mercoledì 7 dicembre 2011

Meglio iniziare da piccoli a pensare da formichine

Dal Mondo - Le guide al risparmio del 1 dicembre 2011, n°1, pag. 30-33

A piccoli passi. Accantonando gli avanzi della paghetta settimanale o la “mancia” del nonno. Fino ad accumulare un gruzzoletto che potrà tornare utile dopo la maggiore età. Per finanziare le tasse universitarie o, magari, una vacanza-studio all'estero. Ma quali prodotti privilegiare, evitando quelli finanziari complessi o troppo costosi? Le possibilità offerte dall'industria del risparmio sono numerose. Non tutte, però, ugualmente adatte allo scopo. “Due elementi devono essere considerati”, premette Marcello Ferrara, analista della società di consulenza indipendente Consultique. “Il primo: a chi si vuole intestare il prodotto di risparmio? Il secondo: qual è l'entità delle somme da destinare al minore?”. Dalla risposta a questi due interrogativi deriva la scelta della forma di investimento più appropriata”. [...]

Luce, gas e telefonini. Quando tradire conviene

Dal Mondo - Le guide al risparmio del 1 dicembre 2011, n°1, pag. 58-61

Non è vero che le tariffe sono tutte uguali. Corollario: tutti possono tagliare il costo delle bollette. E questo vale per telefonia fissa e mobile, adsl, pay tv, energia elettrica e gas. “Complessivamente, si possono risparmiare, in media, tra i 600 e gli 800 euro l'anno. Con punte, in alcuni casi, di quasi 1.000 euro”, dichiara Daniele Viganò, fondatore e presidente di MyBestOption.it, uno dei portali leader nella comparazione online delle tariffe nel settore utilities. Con l'aiuto di Supermoney.eu, l' altro sito di riferimento per il confronto dei servizi di telefonia e fornitura dell'energia (ma anche prodotti bancari e assicurativi), che dichiara 300mila visitatori ogni mese, il Mondo ha messo in evidenza le migliori offerte in quattro differenti mercati: telefonia fissa e adsl, luce, gas, telefonia mobile. Il risultato è sorprendente.

Considerando le migliori tariffe di ogni operatore, per livelli medi di consumo energetico (vedi i dettagli nelle tabelle), le differenze di prezzo raggiungono i 300 euro l'anno per le bolletta di luce e gas. Altri 300 euro possono essere risparmiati sui costi del telefono e della connessione ad internet, mentre su sms e chiamate via cellulare, lo “sconto” ottenibile, scegliendo la migliore tariffa, può sfiorare i 500 euro l'anno, rispetto alla peggiore offerta. Numeri tali da convincere anche il contribuente più pigro a mettere a tacere i due cattivi consiglieri che, generalmente, finiscono per ostacolare la ricerca di condizioni migliorative: l'insofferenza nei confronti di politiche commerciali sempre più aggressive da parte degli operatori; la convinzione che orientarsi nella giungla delle tariffe sia pressoché impossibile. [...]

Dormire sonni tranquilli con i contanti nel deposito

Dal Mondo - Le guide al risparmio del 1 dicembre 2011, n°1, pag. 28-29

Deposito sempre più ricco. Da inizio anno, gli interessi offerti sui conti di deposito per le somme vincolate a 12 mesi, sono quasi raddoppiati, passando, in media, dal 2,6 al 4% lordo. Alle migliori condizioni disponibili sul mercato, oggi, si ottiene un guadagno del 4,55% l'anno. Se si allunga la durata del vincolo, fino ai 24 mesi, si può portare a casa fino al 4,8% lordo, che diventerà il 3,84% netto per effetto della nuova e più conveniente tassazione al 20%, rispetto all'attuale 27% [...]

Ma che bello quando paga lei

Dal Mondo - Le guide al risparmio del 1 dicembre 2011, n°1, pag. 48-49

Tutti (o quasi) ne hanno una nel portafoglio. Ma si stima che quasi la metà delle carte di credito in circolazione non sia mai utilizzata, anche se nel prossimo futuro non sarà più così: il governo ha deciso di spingere gli italiani a utilizzare di più i rettangoli di plastica per fare acquisti o pagare servizi. Insomma, della carta di credito non si potrà più fare a meno. Per il consumatore, dunque, il problema è solo capire quale carta di credito scegliere? [...]