venerdì 16 marzo 2012

I Sirtaki bond pesano sul retail

Dal Mondo del 9 marzo 2012, n°10, pag. 28-9

Sono i piccoli investitori i grandi sconfitti della ristrutturazione greca. Quelli che, nei mesi scorsi, hanno fatto una piccola puntata su Atene: sedotti dai prezzi stracciati, forse consapevoli dei rischi ma comunque rassicurati dai proclami dell'Unione Europea, che per due anni ha ripetuto come un mantra che la Grecia ce l'avrebbe fatta. Invece, è fallita. Se in modo “ordinato”, ovvero pilotato, com'è probabile, o meno, lo si scoprirà nei prossimi giorni, quando saranno resi noti i numeri dell'adesione alla proposta di scambio (swap) concordata dal governo Papademos con i grandi creditori privati, rappresentati dall'Institute for international finance (Iif) di Charles Dallara. Numeri da cui potrebbe dipendere un eventuale coinvolgimento nella ristrutturazione anche da parte degli investitori che hanno scelto di non partecipare volontariamente allo scambio. Compresi fondi comuni e pensione e polizze assicurative. Con quale impatto sui portafoglio dei risparmiatori? [...]

Nessun commento:

Posta un commento