venerdì 31 agosto 2012

Corone e real dentro il paniere di divise

Da Il Mondo del 24 agosto 2012, n° 32, pag. 26

L'euro è irreversibile. Mario Draghi lo ripete da tempo: "Faremo tutto il necessario per preservarlo". Sembrano crederci i mercati, con i rendimenti di Btp e Bonos giù. "A una frattura della Moneta Unica non crediamo. Ciò nonostante, è importante evitare un'eccessiva concentrazione di asset su una sola valuta", spiega Stefano Mach, gestore del fondo Global Currencies & Rates per il gruppo Azimut. Rifugiarsi in un'unico porto sicuro sarebbe altrettanto pericoloso. "La nostra strategia è quella di diversificare fuori dall'area euro su un paniere di oltre 20 valute. Di cui il 40% non è direttamente acquistabile dall'investitore retail". [...]

Spunti d'oro tra i campi e le miniere

Da il Mondo del 24 agosto 2012, n° 32, pag. 27

Molti credono che un peggioramento dello scenario macroeconomico o della crisi debitoria potrà forzare la mano ai banchieri centrali. Spingendoli a intervenire. Se sarà così, l'oro, sceso attorno a 1610 dollari l'oncia e ben lontano dai massimi di settembre 2011 (1920 dollari), potrebbe riprendere quota. Intanto, le materie prime cicliche, energia e metalli industriali, restano le più penalizzate. Ma secondo gli esperti, valutazioni così compresse potrebbero offrire presto alcune opportunità. "Tutte le società di hard commodities hanno un prezzo relativamente attraente, oggi", spiega Sandra Crowl, membro del comitato investimenti di Carmignac Gestion. [...]