venerdì 1 marzo 2013

Gestioni patrimoniali. Il pasticcio dell'Iva

Da CorrierEconomia del 25 febbraio 2013, pag. 28

L' unica certezza è che dal primo gennaio 2013 le gestioni patrimoniali sono soggette all'Iva. Lo dice la legge di Stabilità, nel recepire la sentenza della Corte di Giustizia europea che, il 19 luglio scorso, ha escluso questa tipologia di servizio dall'ambito di applicazione della direttiva Ue in materia di esenzione dell'imposta sul valore aggiunto.Meccanismo Un aggravio non da poco per i clienti delle gestioni patrimoniali, che subiranno rincari del 21% (un punto in più da luglio 2012) su commissioni di gestione e performance, quindi non solo sui risultati ma anche sulle spese. Per un patrimonio di un milione di euro, ipotizzando una fee dell'1,5%, significa pagare 3.150 euro in più, ogni anno, di sole tasse. Non solo. Allo stato attuale, l'aliquota Iva ordinaria dovrà essere applicata anche sulle commissioni relative al 2012, se addebitate nel corrente anno. «Può darsi che una circolare ministeriale intervenga per eliminare l'effetto retroattivo. Ma più passa il tempo, minori sono le probabilità di una correzione in itinere. Qualche struttura ha pensato di inserire la voce di costo nell'estratto conto al 31 dicembre 2012. Ma potrebbe non essere sufficiente per aggirare l'ostacolo», spiega Paolo Ludovici, membro della commissione tecnica, fiscale e legale di Aipb, l'Associazione degli operatori del private banking. Sulla carta, gli intermediari potrebbero accollarsi in tutto o in parte gli oneri fiscali: «Dal 2013, infatti, gli intermediari possono detrarre l'Iva sugli acquisti relativi all'attività di gestione patrimoniale, finora indetraibile perché legata ad operazioni esenti», chiarisce Ludovici. Tuttavia, fa notare l'Aipb, l'efficacia di tale beneficio è subordinata alla struttura dei costi degli intermediari, cioè alla maggiore o minore presenza di oneri soggetti ad Iva. In ogni caso, la sensazione è che le private bank abbiano deciso di scaricare i maggiori costi sulla clientela, almeno per il momento.[...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento