venerdì 5 luglio 2013

Occhio alle trappole

Dal Mondo del 28 giugno 2013, n°26, pag. 32-3

I falsi miti sono pericolosi. Anzi, vere trappole. Soprattutto quando regolano la gestione degli investimenti. Per esempio, affermazioni categoriche come: i titoli del Tesoro americano sono il porto sicuro per eccellenza, le azioni ad alto dividendo proteggono sempre in fase di ribasso, nel lungo termine l’equity darà rendimenti positivi possono rappresentare vere e proprie tagliole tra i piedi dell’investitore. Perché lo mettono nelle condizioni di abbassare la guardia, rendendolo più vulnerabile ai colpi bassi. Tanto dolorosi, quanto più inaspettati. La reazione violenta innescata nelle ultime settimane dalle parole di Ben Bernanke sulle prossime mosse di politica monetaria, ha dimostrato che nell’universo degli investimenti esistono ancora molti luoghi comuni da sfatare. Ecco isette tranelli da evitare.

1. Occhio ai Treasury  Dai minimi del 24 luglio 2012, il rendimento dei decennali americani è salito di 120 punti base, fino al 2,59%. Chi li avesse avuti in portafoglio un anno fa, sulla carta avrebbe già perso quasi 11 punti percentuali, 9 dei quali ceduti negli ultimi 2 mesi. “Non esistono porti sicuri” [...]

Nessun commento:

Posta un commento