venerdì 31 gennaio 2014

Azioni e monete 2014 alla prova del voto

Dal Mondo del 24 gennaio 2014, n°3, pag. 32-3

Mercati alla prova del voto. Le elezioni parlamentari in Tailandia, India e Sud Africa. Le presidenziali in Indonesia, Turchia, Colombia e Brasile. I referendum per l’indipendenza in Scozia e Catalogna (quest'ultimo bocciato da Madrid come incostituzionale). Il rinnovo del Parlamento europeo e per finire le elezioni di Midterm del 4 novembre negli Stati Uniti, per la nomina di 435 membri della Camera, un terzo dei senatori, più i governatori di alcuni Stati. Il 2014 è scandito da una fitta agenda di appuntamenti che potrebbe condizionare listini e valute di molti Paesi. “Nella percezione degli investitori, i risultati elettorali spesso contano più di quanto dovrebbero”, avverte Jürg de Spindler, analista politica senior di Ubs Cio w.m. Il tema è particolarmente sentito, quest'anno, perché vede protagonisti i “Fragile Five”: le cinque economie emergenti considerate più vulnerabili, in questa fase, a causa di persistenti deficit nel saldo delle partite correnti: India, Sud africa, Indonesia, Turchia e Brasile. Qui il percorso delle riforme non più rinviabili, già denso di ostacoli, potrebbe impantanarsi definitivamente tra le sabbie mobili della campagna elettorale. “India e Indonesia sono i Paesi dove le attese per un ricambio ai vertici sono maggiori. In entrambi i casi, la possibile svolta è già espressa nei prezzi, almeno in parte. Nel breve, potrebbe esserci un effetto positivo su azioni, bond e valute. Ma nel medio termine”, segnala de Spindler, “c’è spazio, semmai, per le delusioni”. A Nuova Delhi, infatti, i book maker scommettono sulla vittoria del Partito Popolare Indiano guidato da Nerenda Modi, che potrebbe mettere fine al lungo predominio del Partito del Congresso della dinastia Nehru-Gandhi. Ma ammesso che il leader carismatico del partito conservatore, ritenuto più sensibile alle ragioni dei mercati, abbia la meglio, sarà costretto a un probabile accordo di coalizione con un terzo soggetto politico. Circostanza destinata, pare, a indebolire le istanze riformiste attribuite da molti allo stesso Modi. Nel mese di luglio, poi, sarà la volta di Giacarta. ""L'esito delle elezioni [...]

Nessun commento:

Posta un commento