martedì 18 febbraio 2014

Fondi alternativi
Dopo i record gestori alla prova di tenuta

Da CorrierEconomia del 17 febbraio 2014, pag.26

I fondi alternativi ripartono da un anno record. Il 2013, infatti, si è chiuso a livello globale con un patrimonio complessivo stimato in 109 miliardi di euro per i fondi Ucits single manager, in crescita del 37% su base annua. Stabili, invece i fondi di fondi Ucits alternativi, saliti da 2,7 a 2,9 miliardi. I fondi monitorati da MondoAlternative evidenziano, in particolare, una raccolta netta pari a 18,5 miliardi di euro nel 2013: nel dettaglio, la categoria azionaria rappresentata dai fondi Long/short equity (7 miliardi) e dagli Equity market neutral (1,8 miliardi) ha superato di misura i prodotti dedicati al fixed income (8,7 miliardi) e non stupisce che le strategie focalizzate sull'equity abbiano catturato maggiori consensi soprattutto nella seconda parte dell'anno, segnata dai timori per la risalita dei tassi e per gli effetti collaterali del tapering (riduzione dello stimolo monetario) sull'universo obbligazionario. Flussi significativi si sono riversati anche sui fondi Credit long/short (3 miliardi di euro) e i Multistrategy (2,2 miliardi).

Rendimenti Nel complesso, i dati di flusso sembrano trovare riscontro nelle performance. L'indice MA-Eurizon Ucits Alternative Long/Short Equity, infatti, guida la classifica delle strategie più redditizie del 2013, con una performance del 12,5%. Può non sembrare molto, in un anno che ha visto l'S&P 500 fruttare poco meno del 30%. Ma è apprezzabile se si pensa che il principale listino americano è stato 2 volte e mezza più volatile. Contrariamente al pregiudizio negativo che le ritiene sottoposte a forti fibrillazioni, tutte le strategie alternative hanno mantenuto nel 2013 livelli di volatilità contenuti: compresi tra lo 0,87% dei fondi market neutral (attraverso un bilanciamento di posizioni lunghe e corte, neutralizzano il rischio mercato, valorizzando la scelta dei migliori titoli) e il 5,6% dell'indice MA-Eurizon Ucits Alternative Managed Futures.

Sulla carta, le categorie azionarie potrebbero sovraperformare anche nel 2014. Ma dopo il rally dello scorso anno, sono aumentate le probabilità di movimenti laterali o possibili correzioni. E anche per i fondi alternativi la situazione si complica. Matteo Santoro, responsabile della sede newyorkese di Kairos Partners è convinto che a fronte [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento