venerdì 21 marzo 2014

Italia ancora in contanti:
solo il 15% delle operazioni non è cash

Da CorrierEconomia del 17 marzo 2014, pag. 30
 
Nella classifica dei Paesi che non usano il contante, l'Italia è al 22esimo posto, dopo Polonia, Giappone e Brasile. Seguono, a breve distanza, Cina, Grecia e Russia. In media, nel 2011, gli Italiani hanno effettuato solo 50 transazioni pro capite online o tramite carta, il 50% in meno degli spagnoli e un ottavo rispetto ai finlandesi, che con 400 operazioni l'anno, guidano, davanti agli Stati Uniti, la classifica stilata nel Capgemini World Payments Report 2013. Nonostante l'elevata diffusione in Italia di carte di debito e credito, infatti, spiegano gli esperti di Abi Lab - il centro di ricerche e innovazione dell'Associazione bancaria italiana - il loro impiego è ancora ridotto: per lo più le carte vengono utilizzate per operazioni di prelievo e solo il 15% dei pagamenti avviene utilizzando la moneta elettronica. 
A livello globale, invece, i volumi delle transazioni non cash sono in costante e rapida espansione: nel 2012 le operazioni senza denaro contante hanno toccato i 333 miliardi di dollari, l'8,5% in più rispetto all'anno precedente. La spinta proviene soprattutto da Europa Centrale, Medio Oriente, Africa e Paesi asiatici emergenti, con una aumento superiore al 20%, mentre l'America Latina mostra un progresso del 14,4%. Le economie più sviluppate di Europa, Nord America e Asia assorbono da sole quasi il 77% dei volumi globali e mostrano, inevitabilmente, una crescita più modesta. Le maggiori potenzialità di sviluppo riguardano, in ogni caso, i pagamenti online e via cellulare.

Stime Secondo le stime, nel 2014 potrebbero crescere rispettivamente del 18,1% e del 58,1%, raggiungendo un volume complessivo di 63,7 miliardi di operazioni. Anche i Paesi emergenti leggono nel mobile payment una grande opportunità per facilitare l'accesso alle transazioni finanziarie da parte di un'ampia fetta della popolazione, che oggi ne è esclusa. Non a caso, anche nelle regioni in via di sviluppo, sono stati effettuati notevoli investimenti sulle reti di telefonia mobile, favorendo la diffusione dei pagamenti via smartphone, l’utilizzo di Internet e la pratica del commercio elettronico. Su scala internazionale, [...]

Nessun commento:

Posta un commento