mercoledì 25 giugno 2014

Patrimonio La sobrietà è la nuova parola d'ordine

Da CorrierEconomia del 23 giugno 2014, pag. 43

Ripartire da un'idea di recupero e gestione virtuosa dall'esistente, in un contesto di mercato dove trovano ancora poco spazio grandi opere o archistar. E bisogna soprattutto ridisegnare, ricostruire, riqualificare. È lo spirito con cui va in scena dal 24 al 26 giugno l'Eire, Expo Italia Real Estate 2014, dedicata quest'anno al tema della valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico. Alcuni dei progetti più interessanti li trovate nelle schede qui a fianco.
Opportunità Un'occasione irripetibile per contribuire a rimettere in moto il Paese. Una strada finora poco battuta, ma destinata a diventare, sempre più, una via obbligata. «Anche nella pubblica amministrazione, dal governo ai sindaci di alcune città, si inizia a comprendere che il tessuto delle infrastrutture non è fatto solo di strade o ponti, ma anche di un vasto patrimonio immobiliare. Su cui occorre rimettere mano, a cominciare dalle scuole», ha commentato Aldo Mazzocco, presidente di Assoimmobiliare e amministratore delegato di Beni Stabili. Il mercato sembra essersi stabilizzato. I prezzi hanno smesso di scendere. E, del resto, rispetto alla situazione pre-crisi lo scenario è cambiato radicalmente: nel 2008, ricorda Mazzocco, le banche erano troppo esposte al real estate. Avevano finanziato in molti casi progetti rischiosi. E i loro bilanci erano in fase di contrazione. «Ora l'eccessiva esposizione al mattone è stata in parte riassorbita e, dopo i recenti interventi della Bce, ci sono più risorse disponibili - spiega Mazzocco -. Inoltre si è tornati ad essere molto più selettivi nella scelta dei progetti da finanziare e questo è un fattore di futura solidità del settore. Da qui il mercato può finalmente ripartire».

Con una premessa, precisa il presidente di Assoimmobiliare: il mercato sembra andare più alla ricerca di rendimenti regolari e sostenibili nel tempo che di eclatanti guadagni a breve. È più simile alla logica rassicurante di un?obbligazione che al brivido di 15 giorni consecutivi di rialzi in Borsa. Un modo diverso di fare real estate rispetto al passato che richiede un cambio di mentalità.Prospettive«Accontentarsi dello spread tra resa dell?immobile e costi di gestione e di finanziamento non è forse eccitante come le operazioni di un tempo ma è quello che chiede il mercato», aggiunge Mazzocco. Intanto, arrivano segnali incoraggianti anche dagli operatori esteri. Da dicembre in poi, spiega Mazzocco, si è [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento