mercoledì 9 luglio 2014

Consulenza a pagamento: è qui il nuovo fronte di battaglia

Da CorrierEconomia del 7 luglio 2014, pag. 26
 
Cala il rapporto tra costi operativi e margine d'intermediazione, risultato degli sforzi compiuti da molti istituti per migliorare l'efficienza del servizio. E cresce la redditività del private banking, in aumento costante dal 2009. Ma se questa rimane concentrata nelle gestioni patrimoniali e nei fondi d'investimento, che da soli valgono il 55% di quanto incassano le banche private, la composizione dei ricavi è destinata a cambiare. 
 
La ricerca Secondo un'indagine condotta sull'orientamento delle direzioni private dall'Aipb, l'associazione di categoria, nei prossimi due anni perderanno peso l'attività bancaria tradizionale, che scivolerà dal 12,4% al 9% e l'intermediazione mobiliare, prevista in calo dal 16,7% al 12,1%. Nell'arco dei prossimi 24 mesi, anche le attività core del servizio, fondi e gestioni, subiranno una leggera flessione cedendo qualche punto a favore di altri segmenti di business. E' in crescita, ad esempio, il comparto assicurativo, che nelle aspettative delle direzioni private salirà dallo 0,8% al 2%.Nuovi modelliMa le maggiori aspettative degli operatori sono riposte altrove: per i dirigenti delle strutture dedicate alla clientela di fascia alta, infatti, il peso dei ricavi prodotti dalla consulenza a pagamento sulla redditività complessiva dovrebbe quadruplicare, salendo dal 3,3% al 12,5%. «Se è vero che una prima spinta al servizio è stata data dalla normativa, le analisi sul segmento ci dicono che c'è spazio e interesse da parte dei clienti - spiega Bruno Zanaboni, segretario generale dell'Aipb -. Oltre a chi desidera solo un servizio di base c'è anche chi è interessato a un modello di private banking caratterizzato da maggior complessità organizzativa, basato ad esempio sulla gestione totale del patrimonio del cliente, compresa la parte immobiliare e quella affidata ai competitor, con un advisory board che affianchi il banker. Questi clienti sono quelli disposti a fornire anche buona parte [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento