sabato 28 marzo 2015

La finanza farà fruttare le eccellenze agricole

Da CorrierEconomia del 23 marzo 2015, pag. 27 - Leggi tutto

Agricoltura e finanza devono tornare al dialogo. Perché se è vero che la prima sembra resistere alla crisi meglio di altri settori, per essere competitiva sui mercati internazionali non può rinunciare al sodalizio con il mondo finanziario, in grado di mettere a disposizione nuovi strumenti per crescere, favorendo l'accesso agli investimenti.Secondo un'analisi della Coldiretti, relativa al terzo trimestre del 2014, nonostante le gravi difficoltà legate al maltempo, il comparto agricolo ha messo a segno un incremento dell'1,5% nel numero di occupati, il triplo della media registrata negli altri settori. Ma le potenzialità di sviluppo ancora inespresse sono enormi e per vincere le sfide dei prossimi mesi e anni, partendo da Expo 2015, è necessario un cambio di passo: l'obiettivo della filiera è portare l'export agroalimentare dagli attuali 33 miliardi di euro a quota 50 miliardi entro il 2020, valorizzando un unico segno distintivo del Made in Italy.In un contesto di forti cambiamenti [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento