venerdì 18 dicembre 2015

Fondi - Chi sale sul podio dell'anno record

Da CorrierEconomia del 14 dicembre 2015, pag. 27

Il risparmio gestito gode di ottima salute. Nonostante le forti turbolenze registrate sui mercati finanziari durante l'estate, nei primi 10 mesi dell'anno il bilancio tra sottoscrizioni e riscatti è sempre rimasto positivo, portando la raccolta netta a 126 miliardi di euro, secondo Assogestioni. Salvo sorprese, il massimo storico toccato a fine ottobre dall?industria, con un patrimonio gestito di 1.816 miliardi di euro, candida il 2015 ad essere ricordato come un anno record. I mini-tassi, l'incertezza sugli effetti dell'imminente svolta monetaria restrittiva da parte della Federal Reserve e le vampate di volatilità incoraggiano un numero crescente di investitori a rivolgersi all'industria dei fondi, affidando ai gestori una delega sempre più ampia in materia di scelte su come ripartire i risparmi: non a caso, i flessibili guidano la classifica dei prodotti che hanno raccolto di più da inizio anno, con volumi pari a 47,5 miliardi di euro in 10 mesi. 

La scelta I fondi, però, non sono tutti uguali. Se è vero che interpretare l'andamento dei mercati diventa sempre più difficile e la dispersione delle performance all'interno di una stessa classe di attivo tende ad amplificarsi, la scelta del gestore a cui affidare i propri risparmi risulta cruciale. Quali asset manager propongono il menu d'offerta più competitivo? L'indagine realizzata dall'Istituto Tedesco Qualità e Finanza distingue gli operatori in tre classi: nella categoria Italia Big, che raggruppa i player domestici con un patrimonio gestito in fondi aperti superiori a 20 miliardi di euro, Anima si aggiudica il primo posto, seguita da Eurizon e Pioneer. Nella classifica Italia Small [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento