giovedì 21 gennaio 2016

Gli sprinter dei fondi lasciano al palo i grandi delle banche

Da CorrierEconomia del 18 gennaio 2015, pag. 21

Quattro titoli finanziari al top, Banca Ifis (493%), Banca Generali (271%), Azimut (239%), Banca Mediolanum (139%) tra le 15 società che hanno reso di più in Borsa negli ultimi cinque anni. Nove in profondo rosso, in coda alla classifica: da Mps a Unipol, passando per Creval, Unicredit, Banco Popolare e Bper. Sempre finanza è, ma declinata in mondi che sembrano lontanissimi. Da una parte, l?attività bancaria tradizionale. Dall'altra gli operatori specializzati in segmenti di business - risparmio gestito o factoring - giudicati un tempo marginali e poco redditizi dagli istituti di credito e poi rivelatisi, invece, galline dalle uova d'oro. Da un lato, un settore colpito da 3 recessioni negli ultimi 7 anni, con i prestiti concessi a famiglie e imprese nel periodo pre-crisi tramutatisi presto in montagne di sofferenze e penalizzato, come se non bastasse, da altri fattori congiunturali: prima la crisi dei debiti nella zona euro, poi le regole stringenti imposte dall'Europa per irrobustire il capitale, a scapito della redditività. E per finire uno scenario di tassi a zero che comprime inesorabilmente i margini d'interesse. Lo stesso fenomeno che - dall'altro lato - spinge gli investitori a cercare rendimenti [...] Leggi tutto

Nessun commento:

Posta un commento